Illuminazione al lavoro: italiani soddisfatti, ma…

Illuminazione al lavoro: italiani soddisfatti, ma…

Calerà anche il buio pesto sulla illuminazione pubblica nazionale, ma in materia di luce nei luoghi di lavoro gli italiani paiono soddisfatti. Per capire quanto, Censis ha condotto un’indagine specifica, per conto di Gewiss. Ne emerge che l’80% dei lavoratori ritiene l’illuminazione del proprio luogo di lavoro “adeguata ed efficace rispetto alle mansioni assegnate”, segnala in una nota l’azienda italiana specializzata in soluzioni e prodotti riguardanti illuminotecnica, domotica ed energia.

Tuttavia, si rileva nell’indagine, il 17,2% degli intervistati (corrispondenti a 3,7 milioni di italiani) non ritiene adeguata l’illuminazione nel proprio ambiente lavorativo. Un problema non certo trascurabile dato che un buon numero di lavoratori lamenta problemi visivi che impattano negativamente sul loro lavoro a causa della scarsa luce.

A essere maggiormente insoddisfatti sono gli operai dell’industria: il 43,4% ha affermato di non godere di luce adeguata per lavorare; l’impossibilità di gestire e modulare la luce in maniera autonoma durante l’attività lavorativa certamente non aiuta. Serve la “luce su misura”. Come evidenzia l’indagine:

“Esiste infatti una correlazione positiva tra gestione autonoma della luce e percezione di lavorare in un ambiente adeguatamente illuminato: l’84% dei lavoratori che gestiscono e regolano autonomamente la luce (sia localizzata che generale) valutano molto positivamente e adeguato il proprio luogo di lavoro. Al contrario, si è riscontrato che i lavoratori privi di autonomia nella gestione dell’illuminazione hanno un rischio doppio di essere insoddisfatti dell’illuminazione sul posto di lavoro”.

Illuminazione e benessere, un binomio imprescindibile

Ancora una volta emerge l’importanza di una buona illuminazione per la salute delle persone. La stessa Gewiss, sulla base della ricerca condotta dal Censis, sottolinea che i problemi legati alla vista dei lavoratori sono aumentati in maniera esponenziale. L’età media decisamente più alta dei lavoratori è un motivo importante alla base di questa situazione: gli under 35 al lavoro sono calati dal 1993 a oggi del 42,6%, mentre i lavoratori nati tra il 1945 e il 1964 sono aumentati nello stesso periodo del 39%. In vent’anni o poco più i lavoratori tra i 15 e i 24 anni sono diminuiti del 64,9%, mentre gli over 55 fanno segnare un +77,4%.

La differente età porta anche a differenti considerazioni sull’importanza della luce. I Millenials, per esempio, sono particolarmente attenti nel considerare la luce come fattore di benessere e sostenibilità.

Posta la situazione e le esigenze dei lavoratori, è importante capire cosa intendono fare gli imprenditori a proposito. In tema di illuminazione efficiente, i buoni propositi ci sono, ma mancano a oggi investimenti e progettualità estesa a tutto il sistema. È pur vero che:

“il 51,2% degli imprenditori intervistati del sondaggio dichiara di aver adottato misure specifiche per risparmiare sui consumi derivati dall’illuminazione tramite l’introduzione di sistemi di illuminazione LED ad alta efficienza (scelti dall’82,2% degli intervistati), seguita dall’installazione di sistemi automatici di spegnimento delle luci (24,8%) e dall’introduzione di sistemi regolamentazione automatica del flusso luminoso (8,7%)”.

Tuttavia, siamo ancora lontani – evidenzia Gewiss – da una logica di governance globale dell’illuminazione, con soluzioni smart, flessibili, ad alta personalizzazione e autonomia. In ogni caso, cresce la consapevolezza dell’importanza della qualità dell’illuminazione: l’88,5% degli imprenditori, infatti, ritiene che illuminare il luogo di lavoro in modo adeguato possa rendere l’ambiente più confortevole, generando un positivo impatto sulla voglia dei lavoratori di recarvisi.

Non solo: il 33% delle imprese nazionali ha già ripianificato gli utilizzi energetici in direzione del risparmio energetico, con una netta prevalenza (52%) delle imprese con 50 addetti e più.

A proposito di illuminazione di qualità e di luce e benessere si parlerà a Illuminotronica. Iscriviti oggi, cliccando qui: è gratis

 

Ti potrebbero interessare anche:

Buio pesto sull’illuminazione pubblica italiana

Quanto risparmio usando i LED?

Human Centric Lighting: quando la luce mette l’uomo al centro