AI e smart cities protagoniste di un nuovo modello di economia circolare

I centri urbani occupano appena il 2% delle terre emerse, ma sono responsabili del 70% delle emissioni inquinanti a livello globale e la situazione sembra destinata ad aggravarsi: entro il 2050 si prevede che il 70% della popolazione mondiale vivrà nelle città.

Si tratta dunque di un modello insostenibile che deve variare e ridurre la propria impronta ambientale per far fronte alle necessità di una popolazione mondiale in continua crescita numerica.

Questa evoluzione, in linea con gli obiettivi richiesti dall’Agenda 2030 in tema di efficienza e sostenibilità, può essere ottenuta attraverso un nuovo modello di organizzazione sociale ed economica: quello dell’economia circolare, che punta al riuso delle risorse, alla riduzione dei rifiuti, al riciclaggio delle materie prime e all’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili.

All’interno del modello di economia circolare le risorse più preziose sono la materia prima e l’energia, utilizzate secondo i principi del massimo efficientamento con la minima produzione di scarto non riutilizzabile.    

I Big Data, le tecnologie AI e IoT possono aiutare questa trasformazione: rendere la città intelligente significa innanzitutto collegare, armonizzare e ottimizzare tutti i servizi utili puntando su un energy management efficiente e basso impatto ambientale.

La Smart City può rendere la Circular Economy una realtà, ma per farlo ha bisogno di innovazione e di nuove tecnologie al servizio dell’uomo: dispositivi IoT (internet of Things), tecnologia wireless, strumenti di energy storage e di power management.

Esempi e soluzioni si stanno già diffondendo dando vita ad alcuni esempi virtuosi: un numero crescente di città intelligenti può già fare affidamento su nuove piattaforme e sistemi di monitoraggio energetico, sistemi di smart parking, monitoraggio del livello dei fiumi e gestione intelligente dei rifiuti, sistemi di controllo e previsione di eventi sismici, illuminazione pubblica intelligente e integrata.

Dei nuovi modelli di smart city, delle relative tecnologie abilitanti e delle potenzialità per lo sviluppo dell’economia circolare si parlerà a LUMI Expo 2019 in programma il 21 e 22 novembre a BolognaFiere.

Registrati qui gratis e partecipa alla mostra convegno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove − sedici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.